Biografie ricostruite - Il racconto di sé come cura nella relazione terapeutica con il migrante

Galifi Silvia

5,00 €

tasse incl.

Il contributo, rielaborazione di un intervento originariamente presentato in occasione del IX Convegno di PerFormat “Costruire salute: Forme Vitali, Ritmi di Festa” il 09.10.2016, intende condividere la particolare esperienza dell’Autrice all’interno di un Centro di prima accoglienza.
I migranti, costretti e minacciati alla fuga e spesso vittime di gravi torture corporee e violenze psicologiche, durante la rotta migratoria e/o nel proprio paese di origine, sono adesso richiedenti asilo e vivono una realtà di lenta attesa che continua a minacciare la loro identità. Tale vissuto, all’interno di un reale percorso di accoglienza e di integrazione, fa emergere l’esigenza di un precoce intervento psicologico di presa in carico per il riconoscimento del trauma.
Importante è il processo di costruzione di un setting terapeutico nel quale all’interno della relazione paziente – terapeuta si inserisce la figura del mediatore, che assume un ruolo di protagonista attivo nella lettura dei diversi aspetti culturali e linguistici, e che risulta, quindi, indispensabile per la costruzione di una relazione consapevole.

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Biografie ricostruite - Il racconto di sé come cura nella relazione terapeutica con il migrante

Biografie ricostruite - Il racconto di sé come cura nella relazione terapeutica con il migrante

Accept

Utilizziamo i cookie per fornire la migliore esperienza sul nostro sito. Non utilizziamo cookie di profilazione ma solo cookie tecnici al fine del corretto funzionamento delle pagine di questo sito. Può trovare informazioni su come gestire i cookie consultando il sito www.aboutcookies.org. Continuando con la navigazione accettate l'utilizzo dei cookie.