Sentieri verso una psicologia più umanistica-umana

Paolicchi Piero

5,00 €

tasse incl.

Per buona parte del Novecento, comportamentismo e cognitivismo hanno sostenuto un’idea della psicologia come scienza “oggettiva”, al pari delle scienze naturali. Tuttavia, fino dagli inizi alcuni studiosi, negli USA e in Europa, soprattutto in Francia, hanno portato avanti teorie e ricerche fondate non sulla sperimentazione e l’elaborazione statistica dei dati, ma su un’immagine degli esseri umani come agenti pensanti, senzienti e morali. Sono soggetti portati non solo ad adattarsi al mondo reale o ad elaborare informazione, ma ad immaginare e tentare di realizzare infiniti mondi possibili. Perciò sono questi, così come proposti oggi dalla psicologia culturale e clinica, gli unici soggetti in grado di spiegare fenomeni essenziali per lo studio di “fatti umani” come il cambiamento e la creatività.

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Sentieri verso una psicologia più umanistica-umana

Sentieri verso una psicologia più umanistica-umana

Accept

Utilizziamo i cookie per fornire la migliore esperienza sul nostro sito. Non utilizziamo cookie di profilazione ma solo cookie tecnici al fine del corretto funzionamento delle pagine di questo sito. Può trovare informazioni su come gestire i cookie consultando il sito www.aboutcookies.org. Continuando con la navigazione accettate l'utilizzo dei cookie.