I nostri modelli rappresentazionali si sovrappongono al reale? WhatsApp ci può aiutare

Piccinini Mattia

5,00 €

tasse incl.

In questo articolo viene proposta una riflessione sulla possibilità di considerare WhatsApp come un nuovo contesto interpersonale significativo, dove avvengono scambi comunicativi passibili di letture e agiti copionali e dove il dialogo interno può sovrapporsi con quello esterno. A partire dall’approfondimento sullo sviluppo dei nostri modelli rappresentazionali e del nostro dialogo interno, mi soffermerò sulla loro influenza nell’interpretazione dei contesti interpersonali del presente. Secondariamente mi soffermerò sul concetto di funzione riflessiva/mentalizzazione, intesa come l’abilità che ci permette di interpretare i contesti interpersonali in cui siamo immersi in modo pertinente e connesso a quello che accade. Infine, verrà proposta un’ipotesi di metodo che, a partire dall’utilizzo delle interazioni del paziente avvenute nel contesto interpersonale di WhatsApp, agisca nella direzione del "mentalizzare in pratica". Questo al fine di aiutare il paziente a sollevarsi dalle interpretazioni e azioni automatiche disfunzionali di sé e dell’altro, aumentando idealmente il suo spazio di riflessione e contenimento emotivo e quindi il suo benessere soggettivo e relazionale.

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

I nostri modelli rappresentazionali si sovrappongono al reale? WhatsApp ci può aiutare

I nostri modelli rappresentazionali si sovrappongono al reale? WhatsApp ci può aiutare

Accept

Utilizziamo i cookie per fornire la migliore esperienza sul nostro sito. Non utilizziamo cookie di profilazione ma solo cookie tecnici al fine del corretto funzionamento delle pagine di questo sito. Può trovare informazioni su come gestire i cookie consultando il sito www.aboutcookies.org. Continuando con la navigazione accettate l'utilizzo dei cookie.